Contatti azienda: e-mail info@rossolimone.com
tel.+39.0439026100 +39.3332678570



Mini guida alla coppetta mestruale
Come usarla e perché perde.

Sempre più donne si avvicinano alla coppetta mestruale per motivi etici oltre che pratici, economici e di salute. La coppetta mestruale permette di vivere il ciclo in armonia con il proprio corpo, evitando di creare cumuli di rifiuti difficilmente smaltibili, rispetta l’ambiente e il nostro corpo.

Una coppetta mestruale raccoglie il sangue, non lo assorbe, al contrario dei classici assorbenti o tamponi, evitando così di assorbire, assieme al sangue, anche la lubrificazione della vagina e la flora che la ricopre. Non è tossica, non causa infezioni vaginali e non contiene sostanze chimiche né tossine come, per esempio, la diossina o sbiancanti chimici. Dopo l’utilizzo, può essere lavata e riutilizzata per moltissimi anni, creando così un risparmio anche economico.

La prima cosa da fare, quando hai acquistato la tua coppetta mestruale, è leggere attentamente le istruzioni d’uso. Falla bollire per 5 minuti in un po’ di acqua, così da togliere ogni residuo di lavorazione e poi prova ad indossarla. Puoi fare questa operazione anche prima del ciclo mestruale, utilizzando lubrificante all’acqua, questo ti permetterà di prendere confidenza con la coppetta e con il tuo corpo. La coppetta è sicura e non trasmette infezioni, ricorda sempre di lavarti bene le mani, sono quest’ultime il veicolo maggiore di batteri.

Per le prime volte trova un ambiente confortevole dove indossarla, rilassati e rilassa la muscolatura. Piega la coppetta e indossala, ogni donna troverà la posizione più comoda e la piegatura migliore per lei, non c’è una regola standard, potrai capire cosa fa per te solo provando. Datti tempo è una rivoluzione per la tua vita e come ogni novità serve del tempo per farla completamente tua. Una volta trovato il modo migliore per indossarla ti verrà facile cambiarti velocemente in ogni luogo e situazione.
Può esserti utile individuare bene dove è posizionata la tua cervice, per far questo accovacciati sul pavimento o sul bidet e introduci un dito nella vagina, la cervice al tatto appare più solida del resto della vagina, assomiglia alla punta del naso. Puntare la coppetta in direzione della cervice aiuterà. In questo modo, non colpirai accidentalmente il collo dell’utero con la coppetta, né occuperai la coppetta con la cervice. Se non la trovi, questo significa che, probabilmente, è situata in un punto più alto e, in tal caso, è quasi certo che non ti darà nessun problema.
Una volta indossata la coppetta, questa si aprirà ancorandosi alle pareti vaginali, creando un leggero sottovuoto grazie ai buchini situati sul bordo. Prova a spingere la coppetta più in alto o tenerla più bassa verso l’apertura, fai vari tentativi, fino a quando avrai trovato la posizione giusta per la tua conformazione fisica, ricorda che non siamo tutte uguali.

Un pavimento pelvico tonico e consapevole è di grande aiuto per l’utilizzo della coppetta mestruale perché potrai rilassarti durante il suo inserimento e contrarlo e muoverlo durante il posizionamento.

La coppetta raccoglie il flusso per moltissime ore, quando dovrai svuotarla siediti nel water, spingi con i muscoli pelvici, così da facilitarne l’avvicinamento all’uscita della vagina e poi premi il fondo per togliere il vuoto formatosi all’interno, falla scivolare fuori delicatamente e svuotala. Non tirare il cordino, non è fatto per questo scopo, rischi di romperla e soprattutto di farti male. (vedi foglietto illustrativo)

Perché la coppetta perde
Come detto in precedenza ci vuole un po’ di pratica all’inizio per trovare la posizione corretta FIG.1 per l’utilizzo della coppetta mestruale, ci sono poi delle variabili che fanno si che questa comunque non tenga bene il flusso.
La prima causa, la più semplice, è che la coppetta abbia raggiunto la massima capienza e così il flusso arrivato all’altezza dei buchini scivoli fuori e ti macchi gli indumenti, imparerai con il tempo e la pratica i tuoi tempi per svuotarla. Questi varieranno da giorno a giorno e di mese in mese. La donna è ciclica, non sempre uguale e questa è una nostra ricchezza.
La seconda causa è che la coppetta non sia aperta bene, creando delle pieghe che fanno colare il sangue dalle pareti vaginali. Controlla che sia posizionata bene inserendo un dito all’interno del tuo corpo e passalo attorno alla coppetta, se senti delle pieghe falla ruotare su sé stessa o prova a riposizionarla più in alto o più in basso.
Capire bene dove è la tua cervice ti eviterà di far salire troppo in alto la coppetta, se questo succede rischi che si posizioni dietro la cervice, in questo caso non raccoglierà nulla perché il sangue uscirà dal collo dell’utero al suo fianco. FIG.2
Tonifica il tuo pavimento pelvico. Una muscolatura troppo rilassata non farà aderire correttamente la coppetta alle pareti vaginali, lasciando degli spazi di fuoriuscita del fluido. Al contrario una muscolatura ipertesa schiaccerà il corpo della coppetta, impedendone la corretta apertura.
Cura il tuo intestino, la parete che divide retto e vagina è molto sottile, una donna che soffre di stipsi avrà molto probabilmente delle perdite.
Infine è possibile che tu non abbia mai avuto nessun problema di perdite, poi un giorno la coppetta non tiene più. Non ti allarmare, ci sono cicli in cui la cervice si abbassa molto, entrando nella coppetta e togliendo così spazio al flusso. FIG.3 Ci sono mesi in cui la nostra muscolatura e conformazione cambia, per stress, fattori ormonali o semplicemente per il cambio di stagione. Inizialmente fai da sola un chek-up della tua vagina, controlla che sia tutto a posto e stai serena, siamo esseri in continua evoluzione, quindi magari questo mese la coppetta non fa per te. Se invece noti cambiamenti importanti chiedi consiglio ad un’ostetrica o una ginecologa, loro sapranno di certo consigliarti al meglio.

La ciclicità della donna, il pavimento pelvico e il benessere di tutti sono cose che ci stanno a cuore, lavoriamo per questo. Se desideri qualunque ulteriore informazione o vuoi vedere, scoprire e conoscere direttamente a casa tua coppetta mestruale opalline della geisha per l’allenamento pelvico, contatta la referente o il referente più vicino a te, oppure scrivici a info@rossolimone.com.
Pubblicato il 26 agosto 2015 nella categoria
Articoli Gallery Lavora con noi Presentazione Catalogo Recensioni Video Press

Rosso Limone s.r.l, Via Cede 2, Cesiomaggiore (BL) 32030, P.IVA: 01128480256